Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it
Neurobase.it

Misurazioni di N-telopeptide urinario del collagene tipo I nella gestione della osteoporosi nella pratica clinica


Ricercatori dell’University of Sheffield in Gran Bretagna hanno misurato N-telopeptide urinario del collagene di tipo I ( U-NTX ) per monitorare la risposta ai bifosfonati nel trattamento della osteoporosi.
La diminuzione di U-NTX è risultata associata a un aumento della densità ossea della colonna vertebrale.
Una minore risposta nel rapporto U-NTX/Cr era più probabile nei soggetti con osteoporosi secondaria o con scarsa aderenza alla terapia.

L’obiettivo dello studio è stato quello di determinare l'utilità del marcatore di riassorbimento osseo, U-NTX, in ambito clinico, per monitorare la risposta alla terapia con bifosfonati ( Alendronato [ Fosamax ] e Risedronato [ Actonel ]) per l'osteoporosi.

E’ stata compiuta una valutazione retrospettiva dei dati raccolti dal Metabolic Bone Centre di Sheffield.

La risposta al trattamento è stata definita come un cambiamento del rapporto U-NTX/Cr maggiore di un pre-definito cambiamento meno significativo ( LSC ) del 54 % o più nella metà inferiore di un intervallo di riferimento pre-menopausa predefinito ( inferiore o uguale a 30 nM BCE/mmol Cr ).

Una più marcata diminuzione di U-NTX/Cr a 4 mesi è risultata associata a un maggior aumento della densità minerale ossea della colonna vertebrale a 18 mesi ( r= -0.33, p inferiore a 0.0001, correlazione di Pearson ).

Il rapporto U-NTX/Cr medio a 4 mesi era maggiore nei pazienti con osteoporosi secondaria, rispetto a quelli con osteoporosi primaria ( P inferiore a 0.01, ANOVA ).

Una minore risposta nel rapporto U-NTX/Cr ha aumentato la probabilità di osteoporosi secondaria o di scarsa compliance al trattamento ( P=0.04, test esatto di Fisher ).

Una mancanza di risposta nel rapporto U-NTX/Cr entro la metà inferiore dell'intervallo di riferimento era un indicatore di osteoporosi secondaria e di trattamento non-conforme migliore rispetto a un cambiamento nel rapporto U-NTX/Cr maggiore di LSC.

Il monitoraggio del trattamento con U-NTX/Cr appare avere, pertanto, un ruolo nella pratica clinica per l'identificazione precoce di non-conformità o di presenza di osteoporosi secondaria. ( Xagena2013 )

Baxter I et al, Osteoporosis Int 2013: 24; 941-947

Endo2013 Diagno2013



Indietro