Xagena Mappa
Medical Meeting
Neurobase.it
Ematobase.it

Denosumab versus Risedronato nella osteoporosi indotta da glucocorticoidi


L'osteoporosi indotta da glucocorticoidi è la forma più comune di osteoporosi secondaria ed è associata a un tasso di frattura annuale stimato del 5%.
Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Denosumab ( Prolia ) rispetto a Risedronato ( Actonel ) nell'osteoporosi indotta da glucocorticoidi.

È stato condotto uno studio di 24 mesi, in doppio cieco, con controllo attivo, di non-inferiorità in 79 Centri in Europa, America Latina, Asia e Nord America.
I pazienti eleggibili avevano un'età pari o superiore a 18 anni e stavano ricevendo glucocorticoidi ( 7.5 mg o più di Prednisone al giorno o equivalenti ) per almeno 3 mesi ( continuazione dei glucocorticoidi ) o meno di 3 mesi ( inizio dei glucocorticoidi ) prima dello screening.

I pazienti di età inferiore ai 50 anni dovevano avere una storia di fratture correlate all'osteoporosi; i pazienti con glucocorticoidi continuativi di età pari o superiore a 50 anni dovevano avere un punteggio T di densità minerale ossea lombare, dell'anca totale o del collo femorale di -2.0 o inferiore, o -1.0 o minore se avevano una storia di frattura correlata all'osteoporosi.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a 60 mg di Denosumab per via sottocutanea ogni 6 mesi e a placebo orale al giorno per 24 mesi, o a 5 mg di Risedronato orale al giorno e a placebo sottocutaneo ogni 6 mesi per 24 mesi.
La randomizzazione è stata stratificata per sesso all'interno di ciascuna sottopopolazione.

L'esito primario era la non-inferiorità di Denosumab rispetto a Risedronato in termini di variazione percentuale rispetto al basale della densità minerale ossea della colonna vertebrale lombare a 12 mesi in base ai margini di non-inferiorità ( -0.7 e -1.1 punti percentuali per le sottopopolazioni con proseguimento dei glucocorticoidi e con inizio dei glucocorticoidi, rispettivamente ).
È stata valutata anche la superiorità come esito secondario.

Tra il 2012 e il 2015, sono stati arruolati e assegnati casualmente 795 pazienti, di cui 505 con continuazione dei glucocorticoidi e 290 con inizio dei glucocorticoidi ( 398 a Denosumab, 397 a Risedronato ).

Denosumab è risultato sia non-inferiore che superiore a Risedronato a 12 mesi per effetto sulla densità minerale ossea a livello della colonna lombare sia nella sottopopolazione con continuazione dei glucocorticoidi ( 4.4% vs 2.3%; P minore di 0.0001 ) e sia in quella con inizio dei glucocorticoidi ( 3.8% vs 0.8%; P minore di 0.0001 ).

L'incidenza di eventi avversi, eventi avversi gravi ( incluse le infezioni ) e fratture è stata simile tra i gruppi di trattamento.
Gli eventi avversi più comuni sono stati mal di schiena ( 17 pazienti, 4%, nel gruppo Risedronato e 18, 5%, nel gruppo Denosumab ) e artralgia ( 21 pazienti, 5%, nel gruppo Risedronato e 17, 4%, nel gruppo Denosumab ).
Infezioni gravi si sono verificate in 15 pazienti ( 4% ) nel gruppo Risedronato e in 17 pazienti ( 4% ) nel gruppo Denosumab.

Denosumab potrebbe essere una opzione terapeutica utile per i pazienti a rischio di frattura che hanno iniziato o continuano ad assumere glucocorticoidi. ( Xagena2018 )

Saag KG et al, Lancet Diabetes Endocrinol 2018; 6: 445-454

Endo2018 Farma2018


Indietro