Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Combinazione di Denosumab e Teriparatide ad alte dosi per l'osteoporosi postmenopausale: studio DATA-HD


Nello studio DATA ( Denosumab and Teriparatide Administration ), si è dimostrato che Denosumab ( prolia ) inibisce completamente il riassorbimento osseo indotto da Teriparatide ( Forsteo ) consentendo nel contempo la formazione ossea indotta da Teriparatide, con conseguente aumento della densità minerale ossea ( BMD ) dell'anca e della colonna vertebrale rispetto a entrambi i farmaci da soli.

Si è valutato se la somministrazione di Denosumab con Teriparatide ad alte dosi stimoli un aumento della massa ossea rispetto a quello osservato nello studio DATA.

DATA-HD era uno studio di fase 4 in aperto, randomizzato e controllato, condotto presso il Massachusetts General Hospital.
Le donne eleggibili erano donne in postmenopausa ( almeno 36 mesi dalle ultime mestruazioni o dall'isterectomia con una concentrazione di ormone follicolo-stimolante maggiore o uguale a 40 U/l ) con osteoporosi.

Le partecipanti sono state assegnate in modo casuale a ricevere Teriparatide 20 microg ( dose standard ) o 40 microg ( dose alta ) al giorno tramite iniezione sottocutanea per 9 mesi.
A 3 mesi, entrambi i gruppi hanno iniziato con Denosumab 60 mg ogni 6 mesi tramite iniezione sottocutanea per 12 mesi.
La densità BMD areale ( aBMD ) è stata misurata a 0, 3, 9 e 15 mesi.

L'endpoint primario era la variazione percentuale rispetto al basale di BMD areale vertebrale ( aBMD ) a 15 mesi.
Le donne che hanno completato almeno una visita di studio dopo il basale sono state incluse nell'analisi intention-to-treat modificata.
La sicurezza è stata valutata in tutte le partecipanti assegnate in modo casuale.

Tra il 2014 e il 2016, 269 donne sono state valutate per l'ammissibilità. 76 partecipanti sono state assegnate in modo casuale a 20 microg di Teriparatide ( n=39 ) o 40 microg di Teriparatide ( n=37 ), di cui 69 hanno completato almeno una visita post-basale.

A 15 mesi, aBMD medio della colonna vertebrale è risultato aumentato in misura significativamente maggiore nel gruppo 40 microg ( aumento del 17.5% ) rispetto al gruppo 20 microg ( 9.5%; differenza 8.1%, P minore di 0.0001 ).

Anche aBMD medio del collo femorale era aumentato in misura maggiore nel gruppo 40 microg ( aumento del 6.8% ) rispetto al gruppo 20 microg ( 4.3%; differenza 2.5%, P=0.04 ), come pure aBMD dell'anca totale ( gruppo 40 microg, aumento del 6.1%; gruppo 20 microg, aumento del 3.9%; differenza 2.2%, P minore di 0.0001 ).

In tutto 30 su 39 partecipanti ( 77% ) nel gruppo 20 microg e 29 su 37 partecipanti ( 78% ) nel gruppo 40 microg hanno manifestato un evento avverso e 7 ( 18% ) e 2 ( 5% ) pazienti hanno presentato eventi avversi gravi.

Gli eventi avversi più frequenti sono stati dolori articolari ( 15, 38% ), crampi muscolari ( 15, 38% ) e affaticamento ( 12, 31% ) nel gruppo del gruppo 20 microg e affaticamento ( 14, 38% ), nausea ( 16, 43% ) e dolori articolari ( 17, 46% ) nel gruppo 40 microg.

Non sono stati riportati decessi.

Il trattamento combinato con Teriparatide 40 microg e Denosumab aumenta la densità minerale ossea della colonna vertebrale e dell'anca più della terapia di combinazione standard.
Questo grande e rapido aumento della massa ossea suggerisce che questo regime ad alte dosi potrebbe fornire un metodo per ripristinare l'integrità scheletrica nei pazienti con osteoporosi. ( Xagena2019 )

Tsai JN et al, Lancet Diabetes & Endocrinology 2019; 7: 767-775

Endo2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro