Gastroenterologia.net
Ematologia.net
Neurologia
OncologiaMedica.net

Cambiamenti nella densità minerale ossea dopo trapianto di rene


Nei pazienti che hanno subito trapianto renale, la perdita di massa ossea può essere correlata ai farmaci assunti dai pazienti ma anche alla loro storia pregressa di malattia renale cronica.
Uno studio ha valutato i cambiamenti nella densità minerale ossea ( BMD ) due anni dopo una valutazione iniziale ( eseguita 9 mesi dopo il trapianto ) e i fattori associati a questi cambiamenti.

Lo studio ha incluso pazienti sottoposti a trapianto renale tra il 2005 e il 2011 e seguiti presso il Lille Regional University Hospital.
I pazienti sono stati inclusi se avevano una prima valutazione ossea ( con densitometria ossea, raggi X della colonna vertebrale e valutazione biologica ) e almeno un'altra valutazione della densità minerale ossea.
La prima valutazione è stata eseguita in media 9 mesi dopo il trapianto. Una seconda valutazione è stata eseguita a 2 anni.

Hanno soddisfatto i criteri di inclusione 259 pazienti su 366. La popolazione ha compreso 96 donne. L'età media al trapianto era di 49.7 anni.
La durata media della dialisi era di 3.2 anni.
Per 75 pazienti ( 29.0% ), il trattamento con corticosteroidi è stato interrotto 7 giorni dopo il trapianto senza successiva ripresa durante il follow-up.

Fratture vertebrali valutate mediante raggi X al basale sono state trovate in 28 pazienti ( 10.8% ).
Secondo la classificazione WHO ( World Health Organization ), 106 pazienti ( 40.9% ) avevano osteoporosi e 111 pazienti ( 42.8% ) avevano osteopenia alla prima valutazione.
I bifosfonati orali sono stati prescritti a 95 pazienti.
La decisione di prescrivere i bifosfonati è stata presa congiuntamente dai reumatologi e dai nefrologi sulla base della valutazione della densità minerale ossea, della storia pregressa della frattura e della gestione con corticosteroidi.

In tutti i pazienti, I guadagni di densità minerale ossea alla seconda valutazione ( 2.2 anni ) rispetto al basale sono stati significativi ( 3.9%, 2.6%, 3.0% rispettivamente alla colonna lombare, al collo del femore e all'anca totale, P minore di 0.0001 ).

La differenza di guadagno tra i pazienti trattati e non-trattati con bifosfonati è stata significativa ( +5.0%, P minore di 0.0001; +2.5%, P=0.01; +2.7%, P minore di 0.01 ) alla colonna lombare, al collo del femore e all’anca totale, rispettivamente.

I pazienti che hanno beneficiato della sospensione precoce dei corticosteroidi hanno avuto guadagni più elevati nella densità minerale ossea a livello della colonna vertebrale lombare ( +2.1%; P=0.02 ) e anca totale ( +2.0%; P=0.04 ) rispetto a quelli per i quali è stata mantenuta la terapia con corticosteroidi.

Nei pazienti trattati senza bifosfonati sono state mostrate associazioni tra il cambiamento nella densità minerale ossea ( collo del femore ) e durata della terapia con corticosteroidi, livello di fosfatasi alcalina ossea al basale e assenza di fratture vertebrali.
Nessuna correlazione è stata trovata tra la variazione della densità minerale ossea e durata della dialisi o funzionalità renale.

In conclusione, i pazienti che hanno subito trapianto di rene presentano un aumentato rischio di fragilità ossea nell'anno successivo al trapianto.
I bifosfonati e l'interruzione precoce dei corticosteroidi possono migliorare la densità minerale ossea. ( Xagena2018 )

Segaud N et al, Osteoporos Int 2018; Epub ahead of print

Endo2018 Gyne2018 Nefro2018



Indietro