OncoGinecologia.net
Mediexplorer
OncologiaMedica.net

Sopravvivenza relativa a 5 anni dei pazienti con fratture osteoporotiche dell’anca


La frattura dell'anca da osteoporosi è notoriamente associata a mortalità in eccesso. La mortalità a 1 anno dopo frattura dell'anca raggiunge circa il 20%, simile a quella per il cancro.
Tuttavia, non è stato effettuato alcuno studio per confrontare la sopravvivenza al tumore.
Recentemente, la sopravvivenza relativa è stata utilizzata per presentare una prognosi per una particolare malattia.

Uno studio di revisione retrospettiva ha confrontato la sopravvivenza relativa a 5 anni dopo frattura osteoporotica dell'anca con quella della popolazione generale e dei pazienti oncologici.
Sono state esaminate le cartelle cliniche di 727 pazienti che sono stati trattati con un intervento chirurgico per fratture osteoporotiche dell'anca nel periodo 2003-2009.

La principale misura di esito era la sopravvivenza relativa a 5 anni dopo la frattura, confrontata con la sopravvivenza nella popolazione generale e nei pazienti oncologici.
Una sopravvivenza relativa del 100% rifletterebbe assenza di mortalità in eccesso associata alla frattura dell'anca rispetto alla popolazione generale.

La mortalità cumulativa è stata del 32.3% a 5 anni e il tasso di sopravvivenza assoluta a 5 anni è stato del 63.0%.

La sopravvivenza relativa a 5 anni alla frattura dell'anca è stata del 93.9%, comparabile con quella del tumore della tiroide o della mammella ( 99.8% e 91.0%, rispettivamente ).

In conclusione, i risultati hanno dimostrato che la sopravvivenza relativa a 5 anni dopo la frattura osteoporotica dell'anca è stata inferiore a quella della popolazione generale ed è stata simile a quella per alcuni tipi di cancro come il cancro della tiroide e della mammella.
Pertanto, la frattura dell'anca osteoporotica non deve essere trascurata. ( Xagena2014 )

Lee YK et al, J Clin Endocrinol Metab 2014; 99: 97-100

Endo2014 Onco2014



Indietro