Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it
Cardiobase

Ibandronato: basso tasso di fratture con l’impiego continuativo per lungo periodo


Ibandronato ( Acido Ibandronico; Bonviva ) riduce il rischio di fratture vertebrali e non-vertebrali, rispetto al placebo, nelle donne in postmenopausa con osteoporosi.

Una analisi, in cui le fratture sono state riportate come eventi di sicurezza, ha mostrato che l'uso a lungo termine di Ibandronato è associato a bassi tassi di frattura durante i 5 anni di trattamento.

Una precedente meta-analisi post-hoc di studi della durata di 2-3 anni ha rilevato che i regimi a base di Ibandronato con esposizione cumulativa annuale di 10.8 mg o più hanno ridotto il rischio di fratture vertebrali e non-vertebrali, rispetto al placebo, nelle donne in postmenopausa.

Questa nuova analisi post-hoc ha utilizzato i dati di singoli pazienti dagli studi MOBILE ( Monthly Oral iBandronate In LadiEs ) e DIVA (Dosing IntraVenous Administration ), compresa l'estensione a lungo termine di 3 anni, per valutare il rischio di frattura in pazienti trattati con Ibandronato per 5 anni.

Sono stati inclusi i pazienti trattati per 2 anni nello studio MOBILE con Ibandronato orale mensile a 150 mg ( n=176 ) e nello studio DIVA con Ibandronato endovenoso ogni 2 mesi a 2 mg ( n=253 ) o trimestrale a 3 mg ( n=263 ), che hanno continuato con gli stessi regimi terapeutici per 3 anni supplementari nell'estensione a lungo termine.
I dati relativi all’uso del placebo a 3 anni ( n=1.924 ) sono stati ottenuti dagli studi BONE ( Ibandronate Osteoporosis vertebral fracture trial in North america and Europe ) e IV Fracture Prevention.

L'endpoint primario era il tasso di fratture cliniche. È stato analizzato il tempo alla frattura e tutte le fratture cliniche hanno incluso tutte le fratture non-vertebrali e vertebrali sintomatiche.

Per i regimi a base di Ibandronato con esposizione cumulativa annuale maggiore o uguale a 10.8 mg, il tempo alla frattura è stato significativamente più lungo per tutte le fratture cliniche, le fratture non-vertebrali e le fratture vertebrali, rispetto al placebo ( P=0.005 ).

Per tutti i tipi di frattura, il tasso di fratture è apparso stabile durante il periodo di trattamento di 5 anni.

In conclusione, nelle donne in postmenopausa con osteoporosi, il trattamento continuo con Ibandronato per 5 anni si è tradotto in un basso tasso sostenuto di frattura clinica. ( Xagena2014 )

Miller PD et al, Osteoporos Int 2014; 25: 1: 349-357

Endo2014 Farma2014


Indietro