Neurologia
Cardiologia.net
Reumatologia

Associazione tra sindrome metabolica e perdita ossea in vari siti scheletrici in donne in postmenopausa


Sebbene la presenza della sindrome metabolica e un numero crescente di componenti della sindrome metabolica siano associati a perdita ossea attenuata in vari siti scheletrici nelle donne in postmenopausa, questo effetto benefico della sindrome metabolica sulla massa ossea può essere spiegato principalmente dal maggiore carico meccanico nei soggetti affetti.

Precedenti studi epidemiologici hanno riportati i risultati inconsistenti per quanto riguarda gli effetti combinati della sindrome metabolica sulla massa ossea.

È stato effettuato un grande studio longitudinale per valutare la sindrome metabolica in relazione alle variazioni annualizzate di densità minerale ossea ( BMD ) in donne coreane in postmenopausa.

Lo studio di coorte consisteva di 1.218 donne in postmenopausa che avevano subito esami sanitari di routine con un follow-up medio di di 3 anni.

La densità minerale ossea a livello della colonna lombare e del femore prossimale è stata misurata con l’assorbimetria a raggi X a doppia energia utilizzando la stessa attrezzatura al basale e al follow-up.

Dopo aggiustamento per età, densità minerale ossea basale e fattori dello stile di vita, le donne con sindrome metabolica avevano 21.7, 17.0, 26.7 e 31.1% in meno di perdita ossea, rispettivamente, nei siti scheletrici di femore totale, collo del femore, trocantere e colonna vertebrale lombare, rispetto alle donne senza sindrome metabolica ( P=0.004-0.041 ).

Coerentemente, i tassi di perdita ossea in tutti i siti scheletrici si sono linearmente attenuati con un numero crescente di componenti della sindrome metabolica ( P=0.004 fino a minore di 0.001 ).

È importante sottolineare che, quando il peso e l'altezza sono stati aggiunti come fattori di confondimento, le differenze e le tendenze dei cambiamenti della densità minerale ossea annualizzati a seconda dello stato della sindrome metabolica sono scomparsi.

In conclusione, i risultati attuali hanno indicato che gli effetti benefici della sindrome metabolica sulla massa ossea possono essere spiegati principalmente da un maggiore carico meccanico nei soggetti affetti.
Di conseguenza, la sindrome metabolica di per sé potrebbe non essere significativa per prevedere una futura perdita ossea e per spiegare le associazioni tra osteoporosi e malattie cardiovascolari. ( Xagena2013 )

Kim BJ et al, Osteoporos Int 2013; 24: 8: 2243-2252

Endo2013 Gyne2013



Indietro